Articoli

Leggi il nuovissimo libro appena uscito sulla tecnica della Fluid Art spiegata passo passo nei minimi dettagli ed accompagnata da foto e dai miei video su Youtube! Non fartelo sfuggire e la Fluid Art ed il Pouring Painting non avranno più segreti ne misteri per te! 🙂

Libro in italiano su come fare bellissimi quadri con la famosa tecnica della Fluid Art su Amazon!!!

Ciao ragazzi!!! Recentemente una famosa azienda produttrice di strumenti per la creatività e l’arte, Arteza.com, mi ha contattata per avviare una collaborazione spedendomi i propri prodotti per provarli gratuitamente e farne una recensione genuina e veritiera sul mio profilo Instagram.

Dopo tanti prodotti provati, tutti molto validi, oggi voglio parlarvi di un prodotto che mi ha colpito molto perché riguarda chi vuole sperimentare con il Pouring painting, la Fluid e liquid art, il dripping e tutto ciò che coinvolge la pittura liquida, fluida a scolo, schizzo o altre tecniche di colatura.

Leggi anche la lista dei 10 Medium perfetti per il Pouring Painting e la Fluid Art!

Come potete vedere in qualche post fa faccio un elenco dettagliato dei materiali necessari per la realizzazione di un quadro fluido #pouringpainting. Questo elenco di strumenti artistici è necessario per chi desidera lavorare con i colori acrilici già esistenti in suo possesso ma, se si sta iniziando adesso o si voglio provare altri materiali, Arteza.com ha prodotto un kit Da 32 flaconi di colori acrilici Già pronti per essere usati per il Pouring.

Questo significa che per realizzare un’opera artistica con la tecnica del Pouring (fluid art, liquid art, arte liquida, arte fluida o dripping art) non si ha più bisogno di molte cose: medium per fluidificare i colori, acqua, colla vinilica, bicchieri di carta per miscelare i colori, stecche per mescolare. Tutti questi strumenti artistici che prima erano necessari non servono perché si può spruzzare o colare il colore da utilizzare dal barattolo acrilico alla tela stessa.

Proprio perché questo kit di acrilici per il Pouring è nato per questo motivo la sua consistenza è liquida, ma non trasparente, i pigmenti sono pieni di colore, coprenti e fluidi tanto quanto basta per farli scivolare sul supporto telato (tela, legno o altro) e per permettervi di creare meravigliose opere artistiche relative alla Pouring Art.

Sul mio canale IGTV su Instagram Potete vedere un video che rappresenta il #timelapse dell’intera realizzazione dell’opera e vi mostra l’intero processo creativo che ho seguito per ottenere il risultato voluto.

Da come potete vedere dalla galleria d’immagini ho utilizzato 2 tele nere per la mia composizione artistica in Pouring Painting. Tele nere che ho trovato di altissima qualità e resistenza. Hanno un grip un pò forte quindi i colori scivolano lentamente e grazie a questa caratteristica si possono sperimentare tanti effetti con il Pouring!

Ma ora riassumiamo il processo in un elenco di cose semplicissime da fare per realizzare la vostra prima opera d’arte con la Pouring Art!

Tutorial how to come realizzare la tua prima opera d’arte con la tecnica del Pouring Painting

  • Copri bene la superficie dove lavorerai
  • stendi la tua tela
  • prepara le tonalità di colori che preferisci usare
  • Togli il sigillo da ogni flaconcinodi colore
  • COLA DIRETTAMENTE IL COLORE SULLA TELA!!!
  • orienta la tela in modo da creare l’effetto che desideri
  • FINITO! 😀

Come puoi vedere dalle fotografie io ho in parte usato ancora i bicchieri di plastica e dell’olio di cocco per capelli, perché desideravo una classica struttura con effetto bollicine luminose, ed in parte invece ho colato e schizzato i colori direttamente sulla tela.

La finitura di questi colori inoltre è lucida anche dopo che l’opera d’arte si è asciugata, il che rende tutto molto magico ed elegante. Io ho scelto di usare tonalità dell’oro, azzurro, rosa mescolate con il bianco ed un tocco materico finale di pietre d’oro… e voi? Cosa ne pensate?

Leggi anche le mie opinioni e recensioni sugli acquerelli portatili

A presto!!!

Con grande piacere vi mostro la mia prima esplorazione di una branca dell’arte astratta, verso cui ho sempre sentito una grande attrazione magnetica come scrivevo qualche giorno fa, la Fluid Art. Questa nuova corrente artistica contemporanea, molto in voga in questo momento e di grande tendenza, mi incanta perché è basata sulla casualità. Pouring, Liquid art, Fluid Painting, Fluid art, Acrilico Fluido, Pittura Fluida, sono tutti termini che identificano questa corrente stilistica molto affascinante perché dettata dal destino, dal tempismo e dalla sperimentazione! Ne è passato si tempo…

Libro in italiano su come fare bellissimi quadri con la famosa tecnica della Fluid Art su Amazon!!!

Leggi il nuovissimo libro appena uscito sulla tecnica della Fluid Art spiegata passo passo nei minimi dettagli ed accompagnata da foto e dai miei video su Youtube! Non fartelo sfuggire e la Fluid Art ed il Pouring Painting non avranno più segreti ne misteri per te! 🙂

Fluid Painting, Liquid Art, Pouring, Fluid Art, sono molti i sinonimi che stanno ad indicare questa tecnica artistica basata su poca scelta e poca tecnica ma molta casualità!

Io che artisticamente ho sempre lavorato con il figurativo con la tecnica pittorica della Pop Art e che sono sempre stata una perfezionista nel mio lavoro, io che passo ore a progettare graficamente i soggetti al Computer per poi riportarli sulla tela con grande minuzia sistemando ogni minimo dettaglio, ho scoperto, e subito amato, la tecnica della pittura astratta e fluida su tela. 

Tutorial my First Fluid Art, gli errori da non commettere più in un video integrale della realizzazione su Youtube 🙂

Non vuole essere un video pretenzioso ovviamente, ho registrato ogni attimo di questa mia prima sperimentazione perché mi divertiva e per averne memoria, ne sono molto soddisfatta ma ho fatto degli errori da evitare assolutamente… Guardate il video e ditemi: Quali errori ho fatto secondo voi nella realizzazione della mia prima opera di Fluid Painting? 🙂

Visita il mio canale youTube per i video Tutorial sul Fluid Painting!

My First Fluid Painting. Il mio primo quadro con la Pittura Liquida ancora bagnato.

Sono molto, molto soddisfatta della mia prima opera d’arte con la pittura fluida, di certo sarà un sodalizio che non terminerà oggi e sono super curiosa e vogliosa di provare anche nuovi materiali, colori, brand e prodotti in modo tale da darvi dei feedback, fare delle recensioni e fornire a voi ed a me stessa un bagaglio di esperienza artistica completo.

Galleria fotografica del quadro in Fluid Art (Pittura liquida) asciutto.

Quello che dona emotivamente la creazione di un dipinto astratto fluido non l’ho mai ricevuto da nessun’altra esperienza artistica fatta… Libertà, caos, dubbio, creatività, casualità, stupore, tensione artistica, emozione… Non sai mai quello che può divenire. L’unica cosa che si può decidere è la scelta cromatica, la palette di colori da usare per rischiare in nuove forme e composizioni… Poi… il destino.

A presto con altra Arte!

Studio arte da molti anni… Per propensione personale iniziai circa all’età di 12 anni facendomi regalare un libro di Storia dell’arte universitario… Parliamo di quasi 30 anni fa… Poi alle superiori con la teoria del colore e gli strumenti artistici ed ancor di più all’Accademia delle Belle Arti dove ho approfondito ed ampliato il mio percorso artistico.

Non mi sento arrivata, ne lo sarò MAI!

Se vivi un percorso artistico di un certo tipo sono certa che non si finisce mai di imparare, di studiare, di sperimentare sia dal punto di vista creativo e artistico che più nel profondo il proprio animo… ma mai ho avuto interesse verso la corrente astratta. Negli ultimi 3 o 4 anni circa ho iniziato a provare piacere verso l’astrattismo, a tradurre in forme, linee, accostamenti di colore e differenti media i miei sentimenti, le mie emozioni e quello che vedo io nel mondo.

Ecco che voglio presentarvi degli scatti ritrovati di alcuni miei studi di arte astratta. Sono degli acrilici su carta e cartone, a volte mescolati ed usati anche con pennarelli, chine, tempere, pigmenti liquidi ed altro, il tutto per creare degli studi astratti che poi avrei dovuto incorniciare e posizionare in sequenza in un corridoio dalle pareti bianche.

Gli studi rappresentati sono bellissimi anche se ad oggi li approfondirei… peccato solo che non trovo più gli originali ma se li ritrovassi li incornicerei subito! 🙂

Vi lascio con alcuni dettagli fotografici!!! Per qualunque informazioni chiedetemi pure!!! A presto!

Buongiorno a tutti!!!

E mentre sto proprio per ultimare una grande opera dedicata ad una Geisha in stile street art voglio scrivere questo articolo… Ormai sapete tutti che un mio tipico ramo artistico riguarda l’arte orientale e, nello specifico, l’amore e la seduzione che provo nel dipingere le donne giapponesi: le donne Geisha. Amo questa figura da sempre, fin da quando il ruolo della Geisha era enormemente frainteso… Amo la sua estrema delicatezza e al contempo forza e l’espressività, il suo essere una maschera che può diventare qualunque cosa gli altri vogliano pur restando se stessa.

A tal proposito sono anni ormai che dipingo e progetto quadri con soggetto le mie donne Geisha… Così volevo allegarvi in questo articolo tutti i quadri progettati, dipinti, disponibili su richiesta e anche personalizzati in modo da farvi un’idea della vastità di opere pittoriche che potete richiedere sull’argomento 🙂

Tutti i miei quadri sono rigorosamente dipinti a mano con colori acrilici atossici di alta qualità e telaio da galleria dipinto anche sui bordi in modo tale che non necessitano di una cornice!

Guardate la galleria dei ritratti di Geisha… Ne resterete stupiti!

Quadri moderni Ritratti di Geisha dipinti a mano

Ciao a tutti! Sono giorni di fuoco questi… Sto ultimando le ultime Opere d’Arte dipinte a mano che saranno pronte per le spedizioni tra lunedì e martedì prossimo, quindi non disperate… I vostri quadri moderni come regali di Natale arriveranno puntuali per stupire chi li riceverà!

Nel frattempo volevo presentarvi un progetto che ho sviluppato per un amante dell’arte… Il progetto comprende i Ritratti Pop Art in stile pittura moderna e contemporanea di alcuni famosi Artisti moderni: Frida Kahlo, Pablo Picasso, Andy Warhol e Salvador Dalì.

Ritratti Pop Art artisti famosi: Frida Kahlo, Pablo Picasso, Andy Warhol e Salvador Dalì.

Il risultato finale è strabiliante ed è giocato tutto su colori complementari, forme geometriche e invasioni del volto. Chi ha richiesto il progetto è rimasto stra-felice sia del progetto in se che della realizzazione finale e questo mi rende super-fiera!

Non credete che sia un incredibile regalo di Natale 2017 (ormai)?

Intanto godetevi due gallerie dedicate!

Galleria immagini orizzontali quadri Pop Art realizzati. Ritratti artisti famosi: Frida Kahlo, Pablo Picasso, Andy Warhol e Salvador Dalì.

 

Galleria immagini verticali quadri Pop Art realizzati. Ritratti artisti famosi: Frida Kahlo, Pablo Picasso, Andy Warhol e Salvador Dalì.

Viste le novità…. Stay Tuned!

Felici feste!!!

Brevi accenni sugli Artisti. Tratto da Wikipedia

[quote style=”boxed”]Salvador Domènec Felip Jacint Dalí i Domènech, marchese di Púbol (Figueres, 11 maggio 1904 – Figueres, 23 gennaio 1989), è stato un pittore, scultore, scrittore, fotografo, cineasta, designer e sceneggiatore spagnolo. Dalí fu un pittore abile e virtuosissimo disegnatore[1], ma celebre anche per le immagini suggestive e bizzarre delle sue opere surrealiste. Il suo peculiare tocco pittorico fu attribuito all’influenza che ebbero su di lui i maestri del Rinascimento[2][3]. Realizzò La persistenza della memoria, una delle sue opere più famose, nel 1931. Il talento artistico di Dalí trovò espressione in svariati ambiti, tra cui il cinema, la scultura e la fotografia, portandolo a collaborare con artisti di ogni settore. Faceva risalire il suo “amore per tutto ciò che è dorato ed eccessivo, la mia passione per il lusso e la mia predilezione per gli abiti orientali”[4] a una auto-attribuita “discendenza araba”, sostenendo che i suoi antenati discendevano dai Mori. Dalí, dotato di una grande immaginazione e con il vezzo di assumere atteggiamenti stravaganti, irritò coloro che hanno amato la sua arte e infastidì i suoi detrattori, in quanto i suoi modi eccentrici hanno in alcuni casi catturato l’attenzione più delle sue opere[5].[/quote]

 

[quote style=”boxed”]Pablo Ruiz y Picasso, semplicemente noto come Pablo Picasso (Malaga, 25 ottobre 1881 – Mougins, 8 aprile 1973) è stato un pittore, scultore e litografo spagnolo di fama mondiale, considerato uno dei protagonisti assoluti della pittura del XX secolo.

Snodo cruciale tra la tradizione ottocentesca e l’arte contemporanea, Picasso è stato un artista innovatore e poliedrico, lasciando un segno indelebile nella storia dell’arte mondiale per esser stato il fondatore con Georges Braque del cubismo. Dopo aver trascorso una gioventù burrascosa, ben espressa nei quadri dei cosiddetti periodi blu e rosa, a partire dagli anni venti del Novecento conobbe una rapidissima fama: tra le sue opere universalmente conosciute Les demoiselles d’Avignon (1907) e Guernica (1937).[/quote]

 

[quote style=”boxed”]Andy Warhol, nato Andrew Warhola Jr. (Pittsburgh, 6 agosto 1928 – New York, 22 febbraio 1987) è stato un pittore, scultore, regista, produttore cinematografico, direttore della fotografia, attore, sceneggiatore e montatore statunitense, figura predominante del movimento della Pop art e tra gli artisti più influenti del XX secolo.
La sua attività artistica conta tantissime opere, che produceva in serie con l’ausilio dell’impianto serigrafico. Le sue opere più famose sono diventate delle icone: Marilyn Monroe, Mao Zedong, Che Guevara e tante altre. Da ricordare le sovrane regnanti Elisabetta II del Regno Unito, Margherita II di Danimarca, Beatrice dei Paesi Bassi, la regina madre Ntfombi dello Swaziland, la principessa Diana Spencer e l’ex imperatrice dell’Iran Farah Pahlavi. La ripetizione era il suo metodo di successo: su grosse tele riproduceva moltissime volte la stessa immagine alterandone i colori (prevalentemente vivaci e forti). Prendendo immagini pubblicitarie di grandi marchi commerciali (famose le sue bottiglie di Coca Cola) o immagini d’impatto come incidenti stradali o sedie elettriche, riusciva a svuotare di ogni significato le immagini che rappresentava proprio con la ripetizione dell’immagine stessa su vasta scala.

La sua arte, che portava gli scaffali di un supermercato all’interno di un museo o di una mostra d’arte, era una provocazione nemmeno troppo velata: secondo uno dei più grandi esponenti della Pop Art l’arte doveva essere “consumata” come un qualsiasi altro prodotto commerciale.

Ha spesso ribadito che i prodotti di massa rappresentano la democrazia sociale e come tali devono essere riconosciuti: anche il più povero può bere la stessa Coca-Cola che beve Jimmy Carter o Liz Taylor. Fra i suoi assistenti, che successivamente divennero essi stessi famosi, figurò Ronnie Cutrone.[/quote]

 

[quote style=”boxed”]Frida Kahlo, all’anagrafe Magdalena Carmen Frida Kahlo y Calderón (Coyoacán, 6 luglio 1907 – Coyoacán, 13 luglio 1954), è stata una pittrice messicana.
Il regalo del letto a baldacchino, con annessa l’installazione di uno specchio, durante il suo prolungato immobilismo, ebbero inizialmente per Frida un effetto sconvolgente e la portarono al ricorrente tema dell’autoritratto. Il primo che dipinse fu per il suo amore adolescenziale, Alejandro. Nei suoi ritratti raffigurò molto spesso gli aspetti drammatici della sua vita, il più importante dei quali fu senza dubbio l’incidente del 1925.

Il rapporto ossessivo con il suo corpo martoriato caratterizza uno degli aspetti fondamentali della sua arte: crea visioni del corpo femminile non più distorto da uno sguardo maschile. Allo stesso tempo coglie l’occasione di difendere il suo popolo attraverso la sua arte facendovi confluire il folclore messicano.

Sotto questo aspetto, forte ma allo stesso tempo sfumato di humour, risulta nei suoi quadri l’impatto di elementi fantastici accostati a oggetti in apparenza incongruenti. Si tratta di quadri di piccole dimensioni (Frida predilige il formato 30 x 37 cm) dove si autoritrae con una colonna romana fratturata a ricordo della sua spina dorsale e circondata dalle numerose scimmie che cura come figlie nella sua casa. Tre importanti esposizioni le furono dedicate nel 1938 a New York, l’anno successivo a Parigi e nel 1953, un anno prima della morte, a Città del Messico.[/quote]