Articoli

Buongiorno a tutti Amici! In questo lungo periodo di reclusione sono lieta di informare tutti che, dopo parecchi anni, sono riuscita a racchiudere tutti i miei Tutorial, le mie guide artistiche, i piccoli manuali scritti su come dipingere Pop Art, sparsi e mai completati sul sito, in un unico libro che potete trovare sia in digitale, formato Kindle, che cartaceo su Amazon!

Finalmente ho potuto aggiornare, ampliare, completare la guida passo passo di come imparare a dipingere Pop Art che vi possa dare un quadro chiaro di come iniziare a dipingere, modificare con software digitali le foto, trasferirle su tela disegnando e con quali metodi, fotografare le opere e vendere online!

Instant Pop Art eBook è Gratis per chi ha Amazon Kindle Unlimited!

Se non hai Kindle Unlimited puoi attivarlo gratis per ben 2 mesi direttamente cliccando qui!

Dal momento che lo attivi lo potrai disattivare quando vuoi e potrai comunque continuare a leggere tutti i titoli di libri che avrai scaricato nel periodo in cui lo hai avuto (massimo 10 titoli contemporaneamente)

Contenuto del libro INSTANT POP ART! Come dipingere Pop Art, da come disegnare su tela, ai materiali e la vendita delle opere d’arte online!

Nel libro Instant Pop Art troverai come imparare a dipingere e vendere quadri Pop Art con colori acrilici e ad olio in modo facile e senza stress! Ti accompagnerò per tutte le fasi, dalla scelta dei materiali artistici da acquistare a come disegnare e dipingere sulla tela fino a come fotografare le tue opere d’arte e promuoverle sul tuo sito web, social o su marketplace le tue opere d’Arte!

Ti guiderò anche a scegliere il giusto prezzo per i tuoi quadri Pop Art ad imballare i tuoi quadri e troverai guide digitali per come progettare le tue opere d’arte contemporanea con tutorial di software come Photoshop e Illustrator!

Sunto dell’indice degli argomenti trattati nel libro eBook INSTANT POP ART

  • Primi passi da seguire per imparare a dipingere Pop Art.
  • Materiali di base da acquistare ed utilizzare per dipingere Pop Art.
  • Come disegnare con la matita e trasferire il disegno su tela!
  • Trucchi, consigli, suggerimenti e segreti di un Artista che mai nessuno vi confiderà!
  • Tutorial come dipingere Pop Art non sarà più un segreto per te!
  • Lista di 10 Tutorial POP ART essenziali per trasformare le vostre fotografie, con Photoshop e Illustrator, in un quadro POP!
  • Come creare un ritratto Pop Art da una foto con Adobe Photoshop!
  • Come creare un ritratto Pop Art da una foto con Adobe Illustrator!
  • L’IMPORTANTISSIMA UNICA REGOLA PER DIPINGERE BENE!
  • Come essere un artista contemporaneo presente online!
  • Fasi finali, asciugatura, verniciatura, firmare i quadri si o no?
  • Come fare ottime foto ai quadri dipinti a mano che creerete.
  • Come firmare i vostri quadri e progettare un vostro marchio.
  • Come dare ai quadri che dipingerete il loro il giusto prezzo.
  • Informazioni fiscali di base per vendere online senza evadere le tasse.
  • Consigli sull’imballaggio e sulla spedizione.

Cosa ci si deve aspettare dal libro eBook INSTANT POP ART

Qualunque sia l’aspettativa che riponete in questo libro sappiate che ho messo tutta me stessa per darvi gli strumenti utili per iniziare a dipingere Pop Art: trucchi, consigli, procedure, liste, materiali necessari e suggerimenti. Questo è un libro che vi metterà nelle mani la tecnica ed i segreti ma sarà vostra l’opportunità di provare e divertirvi con l’arte ed imparare a dipingere Pop Art!

Pensate solo a quante combinazioni giocando con i colori, con le forme, con le dimensioni, con gli stili che compongono la corrente artistica della Pop Art e, pur mantenendo la medesima impronta stilistica, si possono ottenere decine di personalizzazioni creative con cui giocare e definire la propria arte! Questo libro è perfetto per chi desidera iniziare e non ha alcuna pretesa per chi ha intrapreso questo lavoro artistico già da un po’. Non servono conoscenze di base, non importa quali scuole avete frequentato, troverete qui tutto il necessario!

Buona Lettura!

“Si tratta di capire non solo le opere, ma il mondo e il tempo in cui viviamo, e di esserne uno specchio.” Keith Haring

Iscriviti alla Newsletter per le ultime novità!

Newsletter

Buongiorno ragazzi!

Oggi vi mostrerò come creare un bellissimo Portfolio lavori per le vostre opere d’Arte! Che siano quadri dipinti, sculture, fotografie, installazioni artistiche o altro, seguendo questi miei piccoli consigli, e grazie alla possibilità che da www.saal-digital.it di provare i suoi prodotti, potrete avere un book professionale e di altissima qualità sempre con voi!

1. Scattare e scegliere le fotografie da inserire in un Portfolio Quadri

Questo è quello che mi ha portato via meno tempo. Come potete vedere dalla gestione del mio sito web e dei social collegati, uso comunemente scattare decine di fotografie alle mie opere d’Arte per poi pubblicarle. Se vi state chiedendo se ho set fotografici, trucchi e consigli per fare meravigliose fotografie ai quadri beh, al momento non ne ho 🙂 Non importa se le fotografie non sono perfette, basta scattarle con una buona illuminazione ambientale, supportati da una parete monocolore e, possibilmente, ma non necessariamente, sui toni del grigio chiaro o bianco; questo serve per permettere all’obiettivo della macchina fotografica e all’opera stessa di non essere influenzate dai riflessi dei colori circostanti.

Scatto le fotografie con uno smartphone e tra tutte le foto che faccio scelgo poi quelle venute meglio. Nel caso della realizzazione di questo Fotolibro Portfolio ho scelto quasi tutte visualizzazioni frontali ma non ho perso tempo a “scontornare” per togliere lo sfondo alle fotografie perché il software di Saal Digital che ho scaricato per la realizzazione già mi permetteva di farlo con semplicità ed in modo guidato.

2. Creare il proprio Fotolibro come Portfolio Quadri con Saal Digital

Tutto è nato dal fatto che un paio di settimane fa mi sono imbattuta in un post su Facebook che invitava professionisti di ogni categoria a richiedere un buono sconto di 40€ per ordinare Fotolibri e Fotoquadri sul sito www.saal-digital.it così ho pensato che non c’era momento migliore per poter realizzare il mio primo Portfolio lavori stampato con le foto dei quadri che più mi piacevano. Dopo essermi candidata a questa pagina http://www.saal-digital.it mi è arrivato un codice via email per l’utilizzo sul loro sito web. Io ho preferito scaricare ed installare il loro software che si trova qui e creare il mio progetto in tutta libertà.

Mi ci è voluto qualche minuto a capire il software però una volta capito il meccanismo si procede velocemente e senza intoppi alla realizzazione. La procedura guidata è spettacolare e non ti fa perdere tempo perché le foto ed i testi sono già impaginati ed allineati in modo perfetto. Si può anche scegliere un tema (proprio quello che ho fatto io) e così il flusso di lavoro della creazione del Portfolio risulta più veloce, semplice e focalizzato sulle opere d’arte perché testi e fotografie vengono inseriti in automatico nel layout scelto.

Avendo già selezionato le fotografie che mi interessavano ho proceduto velocemente a creare il progetto del Portfolio quadri e ordinarlo è stato semplicissimo. Ho pagato con Paypal dopo aver inserito il codice sconto e mi è subito arrivata l’email di conferma e la fattura. L’ordine è stato elaborato il giorno dopo e poco dopo è stato spedito. La velocità di risposta delle email, dell’elaborazione dell’ordine e dell’arrivo del fotolibro mi hanno lasciata senza parole.

 

3. Recensione e opinioni del Fotolibro di Saal Digital

Il fotolibro è arrivato imballato benissimo, avvolto da una pellicola spugnosa per attutire gli urti e accuratamente inserito in un cartone spesso adatto alla sua dimensione. Quando ho aperto il pacco sono rimasta a bocca aperta… Il mio Portfolio Quadri era BELLISSIMO! Ok, è troppo generico, vi spiego i dettagli e la qualità di www.saal-digital.it. La qualità della copertina opaca in brossura rigida è eccezionale, già da chiuso il Portfolio fa un figurone: satinato, resistente, stampe in alta risoluzione, minimal e pulito. All’interno la qualità delle stampe è altissima, le pagine satinate mantengono comunque una brillantezza di colori e profondità di immagine eccezionali e, lo spessore delle pagine le rende immortali nel tempo (nulla le può scalfire).

4. Recensione e opinioni Fotoquadro di Saal Digital

Tanto sono rimasta felice e soddisfatta del mio Fotolibro come Portfolio Quadri che ho subito richiesto un altro buono sconto di 50€ da questo link www.saal-digital.it/2016/camp00000467 per far stampare un Fotoquadro da appendere in Studio come pannello promozionale. L’azienda Saal Digital sempre efficiente, veloce e cortese mi ha inviato il codice sconto per il Fotoquadro che stavolta ho richiesto direttamente online sul sito web. La procedura d’ordine è stata ancora più veloce e semplice di quella del Fotolibro. Come foto pubblicitaria ho scelto un collage di mie fotografie con dei quadri eseguiti l’anno scorso ed ho scritto al centro il link del mio sito web www.azzumail.com.

Il sito web di Saal Digital permette una vasta scelta di supporti dove stampare il Fotoquadro ma io ho selezionato quella più economica: la stampa su pannello in PVC di dimensioni 60×80 cm. In pochissimi giorni ho ricevuto il Fotoquadro imballato a prova di bombardamento 😀 supportato ed avvolto da una forte pellicola a protezione degli urti e imballato con del cartone costruito a misura. Come sempre quando si tratta di questa azienda ho trovato il pannello perfettamente stampato con risoluzione di altissima qualità ed anche il PVC come materiale è molto solido e duraturo. Insomma, sono rimasta eccezionalmente colpita per l’ennesima volta!

Grazie quindi Saal Digital italia per avermi dato l’opportunità di creare il mio primo Portfolio Quadri usando il vostro Fotolibro, la mia grafica promozionale usando i vostri Fotoquadri e questo articolo del Blog.

 

!!! Nuovo Libro INSTANT POP ART !!!

Leggilo Gratis su Amazon con Kindle Unlimited attivabile da qui https://amzn.to/3bsGUMy

Come vi avevo accennato nella prima pillola, in cui illustravo più che un metodo una dote, nella seconda pillola, dove illustravo un metodo matematico, e nella terza pillola, dove saper giocare con ago e filo vi sarà utilissimo… Continuiamo a vedere come poter trasferire il nostro disegno dalla carta sulla tela con gli ultimi due metodi…

Terzo metodo: usare un proiettore per pittura.

Eh si lo so! Ai vostri occhi questo sembra il metodo più veloce… Non è proprio così… Sicuramente se si ha una certa dimestichezza con le proporzioni e con il suo posizionamento può agevolare il lavoro ma, inizialmente si ha qualche difficoltà per sistemare il proiettore difronte alla tela cosa che allenerete con il tempo e con il suo utilizzo. Quindi… se le dimensioni del quadro da pingere vi spaventano, se vi hanno commissionato una parete di 3x2mt, se siete pigri… Questo metodo fa per voi! 😀

Cosa è un episcopio? E’ uguale ad un priettore per disegni?

Non tutti sanno che l’episcopio altro non è che quello che viene comunemente chiamato proiettore. Un episcopio può essere chiamato anche proiettore ma non è il suo nome corretto e, se vi trovaste a girare per negozi alla ricerca di questo oggetto, potreste essere fraintesi. La differenza è che l’episcopio è un oggetto creato appositamente per agevolare il lavoro degli artisti quando volevano trasferire il bozzetto, da loro stessi creato, su una parte o tela di vaste dimensioni. Il proiettore è più comunemente usato e conosciuto per proiettare diapositive, pellicole, video o film su appositi supporti.

Come funzionano gli episcopi?

Gli episcopi moderni sono costituiti da un corpo, solitamente di forma piramidale, dove, alla base, si posiziona il disegno da proiettare sulla tela. Il disegno deve essere opaco quindi va benissimo anche stampato su carta o cartoncino preferibilmente bianco. Sulla parte alta della forma piramidale dell’episcopio ci sono una serie di specchi, una lampadina e delle lenti che ci permetteranno di riflettere la nostra immagine sulla tela, sulla tavola, sul muro o su qualunque altro supporto scelto.

Come scegliere un episcopio?

Esistono in commercio abbastanza modelli di episcopi… Un episcopio, come dicevamo, altro non è che un sistema con cui si può riflettere, e quindi proiettare, il nostro disegno su tela, precedentemente disegnato a mano o stampato su carta. Quello che conta, a questo punto, è sceglierne uno che sia funzionale, luminoso e, magari, duraturo nel tempo. 🙂

Lista di episcopi in vendita sul mercato.

Vediamo insieme una lista di proiettori che offre oggi il mercato gentilmente offerta da questo sito web che è stato così minuzioso e specifico che sarebbe un oltraggio scriverne una nuova 🙂 e di cui riporto anche il piccolo ma utilissimo schema riassuntivo.

 

Modello
Area di copia per originali
Lampada
Ingrandimenti
Riduzioni
Proiezione Verticale
Utilizzo consigliato
Tracer Jr.
9×9 cm
20W Basso Consumo
10X
Hobbystico
Tracer
13×13 cm
23W Basso Consumo
14X
Hobby, Decorazione; ecc.
Reflecta XL
15×15 cm
300W Alogena
30X
Trompe l’oeil; Grafica; Artigianato; Illustrazione; ecc.
Prism
18×18 cm
500W Alogena
20X
O
O *
Decorazione; Grafica; Artigianato; Illustrazione; ecc.
Super Prism
18×18 cm
500W Alogena
20X
O
O *
Trompe l’oeil; Grafica; Artigianato; Illustrazione; Copie d’autore
Designer
15×15 cm
250W Incandescenza
30X
O
O *
Decorazione; Grafica; Artigianato; Illustrazione; ecc.
Designer Master
15×15 cm
250W Incandescenza
30X
O
O +
Decorazione; Grafica; Artigianato; Illustrazione; ecc.
Designer MasterII
15×15 cm
500W Incandescenza
30X
O
O +
Decorazione; Trompe l’oeil; Grafica; Artigianato; Illustrazione; Copie d’autore

 

Costi e caratteristiche degli episcopi.

Ovviamente i costi sono molto variabili in base alle caratteristiche, potete iniziare a farvi un’idea anche solo cercando un pò sul web o su eBay. In linea generale se volete iniziare a piccoli passi potete anche optare per un episcopio economico come i Tracer. Io ne ho uno Tracer da parecchi anni, acquistato a mia volta su eBay, che mi ha dato grandi soddisfazioni. E’ vero che i Tracer proprio per la loro economicità hanno bisogno di maggiori accortezze, ad esempio bisogna proiettare nel buio totale altrimenti non vedi nulla, ma il tratto è abbastanza nitido anche a metri di distanza e, sopratutto, è un oggetto molto duraturo! Poi se si vuole già optare per un episcopio medio-avanzato si può scegliere un Prism o, addirittura, Super-Prism… Che sono spettacolari! Si può proiettare anche con luce o penombra, i tratti sono definitissimi e riescono a proiettare anche le più minuziose sfumature di colore!!! Per la durata non vi so dire perchè non li ho mai avuti… Anche se, probabilomente, sarà il prossimo acquisto! 😀

Spero di esservi stata utile!

Al prossimo postsu come trasferire il nostro disegno sulla tela!

Stey Tuned!

Come vi avevo accennato nella prima pillola, in cui illustravo più che un metodo una dote, e nella seconda pillola, dove illustravo un metodo matematico, continuiamo a vedere come poter trasferire il nostro disegno dalla carta sulla tela per poi procedere con la pittura.

Secondo metodo: uncinetto?

Questo è il metodo più usato ed anche il più divertente. Consiste nel suddividere l’immagine da riprodurre con una griglia di quadrati, disegnati con la matita e creati in base alla dimensione della stampa. Generalmente questi quadrati è meglio crearli 1cmx1cm (se l’immagine è abbastanza grande) e verranno riportati sulla tela dove si deve trasferire il disegno. Ovviamente si deve partire dal numero di quadrati creato dalla griglia sulla foto d’origine per poi trasferirli sulla tela dividendo i rispettivi lati della tela per il numero dei quadrati contenuto nella foto della prova digitale. Esempio: avete una immagine di partenza di 5x7cm potete suddividerla con una griglia di 5x5mm ed avremo 10 quadrati sul lato da 5cm e 14 quadratini nel lato da 7cm adesso basta prendere la nostra tela (presumibilmente 50x70cm) e suddividere il lato piu corto per 10 ed il lato piu lungo per 14 in modo da sapere ogni quando dobbiamo tirare una retta per suddividere lo spazio della tela. E qui viene il bello!!!! 😀 la creazione della griglia sulla tela non avviene con la matita che magari potrebbe macchiare la tela, soprattuto se si ha intenzione di usare colori chiari che verrebbero sporcati dalla matita scura o se si ha intenzione di lasciare il bianco della tela in evidenza, ma avviene attraverso dei fili di cotone abilmente tirati con delle puntine posizionate ad una distanza, l’una dall’altra, che abbiamo ricavato dividendo i lati per il numero di quadrati creati nell’immagine di riferimento.

Tutto chiaro?

Se avete dubbi, incertezze o domande varie, scrivetemi pure!

Stay Tuned!

Come vi avevo accennato nella prima pillola, in cui illustravo più che un metodo una dote, continuiamo a vedere come poter trasferire il nostro disegno dalla carta sulla tela per poi procedere con la pittura.

Primo metodo: moltiplicazioni artistiche 😀

Come siete messi con la matematica??? 😀 Questo metodo mi fu insegnato da mio zio, un grande pittore catanese ormai scomparso, e consiste nel misurare la prova digitale pop art precedentemente stampata, e dividere la dimensione della tela per quelle della prova stampata in modo da trovare un minimo comune denominatore per cui moltiplicare tutte le spaziature dei contorni del disegno e riportarlo, in scala, sulla tela. Altamente sconsigliato a chi non ha molta dimestichezza con la matematica (vedi la sottoscritta) anche se puo risultare divertente nel momento in cui esce fuori un disegno astratto piuttosto che un dipinto pop art 😀

E per questa pillola è tuto!!! Arrivederci al prossimo metodo!

Stay Tuned!